VOGLIA DI LEGGEREZZA

In questi giorni sto guardando una serie TV ambientata in un liceo di Roma. Sono storie di ragazzi. Di incontri nel corridoio. Di quello che ne vuole da una tipa e lei non se lo fuma pari. Della tipa che ha il ragazzo e si crea mille pare con le amiche. Del mondo dei social che gira in tondo a loro. Dell’importanza dell’essere in una lista per fare serata e come riuscire ad imbucarsi. Del fumo. Del mondo dei gay. E’ fatta benissimo. Dipinge in maniera incredibile le emozioni. Gli attori seppur giovani sono straordinari.
All’inizio pensavo di guardarla perché capivo di più il mondo dei miei figli. E invece mi sono accorta che la guardo per ricordare il mio mondo di allora. Per rivivere la leggerezza di allora. E la cosa straordinaria, quasi magica, è che l’altra mattina mentre andavo con Monica a San Luca sentivo gli stessi profumi dei nostri corridoi, la stessa gioia di amiche di allora. Si quella Monica sempre presente nella mia vita. Quella Monica che mi mette sempre dei cuori ad ogni mio racconto. Mi vuole bene. Quella Monica che quando mia mamma stava male mi chiamava e si scusava, lei, se disturbava. Quella che conosce i miei difetti e se ne frega. Si quella Monica lì.
E noi ci siamo conosciute a scuola, insieme a Sonia, a Piera e ad altri mitici ed incredibili amici che ancor oggi ci fanno ridere e ci tengono una smisurata compagnia. Ci fanno sentire leggere come allora. Quando avevamo voglia di volare e di crescere e non sapevamo cosa avremmo fatto nella vita. Ci raccontavamo i nostri sogni. Annusavamo l’aria della primavera della vita. Che è profumatissima. Il tipo di turno ci faceva incazzare, o stavamo male, o eravamo tristi? Loro erano lì. Oggi sono lì.
Con Monica posso dire di avere vissuto tutte le tappe della mia vita. La scuola. L’università. I sogni. Il matrimonio. I figli. La separazione. La ripresa. E poi di nuovo i sogni. Le disillusioni. In tutti questi momenti il sottofondo è sempre quello. Quella leggerezza là.
Con Sonia abbiamo condiviso più a tratti i momenti della vita adulta, ma la sensazione è sempre quella. Ridiamo, parliamo. Ci scambiamo sguardi complici di chi hai nella pelle. E quando ti devi lasciare non ne hai proprio voglia, come quando ti devi alzare ma sotto le coperte si sta troppo bene.
Con Piera abbiamo cominciato a guardarci con quegli occhi da adulte. Ho sentito la persona vera e profonda che è. E nuovamente la bellezza e il profumo dei nostri anni in cui siamo diventate donne.
Mi ha colpito il fatto che pensando all’anno che sta entrando, al futuro, mi sono in realtà trovata a fare un tuffo nel passato.
Come per prendere la leggerezza di allora e portarla qua, oggi.
Per augurare a tutti di averla sempre accanto nella vita. Ora come allora.
I cuori liberi e leggeri possono volare e fare tanta strada per quanto incerto il futuro possa essere.
Articolo precedente
Articolo successivo
lorenza
lorenza
Sono Lorenza Girotti, coach specializzata in Life e Business Coaching. Mi occupo di crescita personale e aiuto i miei clienti a costruire il futuro che desiderano nella vita e nel lavoro e li sostengo nell'attivare le risorse necessarie affinchè quel futuro diventi realtà. Grazie ad una lunga e significativa esperienza professionale maturata a fianco di imprenditori e manager, ho fondato il progetto My Coach che utilizza un metodo concreto ed orientato al risultato.